3 film da perfetto Gentleman

Le sere d’inverno, si sa, sono fatte per stare in casa. E cosa c’è di meglio del godersi il proprio salotto di design, guardando uno di quei film che sembrano creati appositamente per arricchire la nostra idea di Gentleman?

Che si tratti di un film creato ad hoc per gli Oscars o di una nuova serie TV da lanciare su Netflix, sempre più registi puntano quasi tutto sulla fotografia e sulla colonna sonora che fa da cornice alla produzione, di conseguenza il perfetto gentiluomo sa che, per godere appieno dell’home entertainment, non deve lasciare nulla al caso e soprattutto deve sapere come scegliere Soundbar e Soundbox, per trasformare il suo living in una vera e propria sala cinematografica.

Ma quali sono i film che maggiormente rappresentano il Gentleman?

La lista è lunga e noi ne abbiamo selezionati solo tre, seguendo quella linea stilistica che parte dall’abbigliamento dei protagonisti per arrivare al loro animo più romantico.

La Grande Bellezza

Orgoglio nazionale, vincitore dell’Oscar al miglior film in lingua straniera nel 2014, La Grande Bellezza presenta la figura di un nostalgico gentiluomo italiano. Alla domanda “La vita ti ha deluso?”, il protagonista Jep Gambardella – interpretato da un magistrale Toni Servillo – risponde così: “Io sono stato deludente”.

Gli abiti di Jep Gambardella sono ad opera di Cesare Attolini.

Il Grande Gatsby

«Gatsby credeva nella luce verde, nel futuro orgastico che anno dopo anno si ritira davanti a noi. Ieri c’è sfuggito, ma non importa: domani correremo più forte, allungheremo di più le braccia… e un bel mattino… Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato.»

Con questa frase si chiude una delle storie più famose di sempre, nella versione diretta da Baz Luhrmann, ricca di effetti speciali e con una colonna sonora che trasporta lo spettatore direttamente all’interno delle sfarzose feste americane degli anni 20.

Tante le somiglianze tra Jay Gatsby e Jep Gambardella: dalle iniziali agli abiti di elevata fattura. Di Brooks Brothers il guardaroba del personaggio interpretato da Leonardo Di Caprio.

Kingsman

Sarà mica il film che, alla lunga, rimpiazzerà l’iconico 007? Dopo aver visto i primi due episodi della saga cinematografica Kingsman (il terzo è in uscita durante l’anno corrente), tanti hanno compreso l’omaggio a James Bond, confermato dal fatto che il personaggio di Colin Firth si basa sulle caratteristiche dell’agente segreto interpretato da Roger Moore.

A differenza di Bond, però, Kingsman mantiene vive le caratteristiche più pure di un Gentleman, con tanto di regole comportamentali presenti sul sito ufficiale e riportate di seguito:

1) Un gentleman non parla mai della sue conquista, di affari privati o dei suoi rapporti. I suoi affari non sono degli altri;

2) Un gentleman non si scontra in pubblico con nemici o ex, o peggio, con vestiti dai colori e dagli stili fuori moda;

3) Un gentleman è sempre felice di servire, sia che stia aprendo la porta, prendendo il conto, o che stia chiamando un taxi la mattina successiva. Chiedete a lui un aiuto e non rifiuterà;

4) Un gentlman non reagisce mai alla maleducazione. Cerca di non farci caso e passa oltre l’accaduto come non fosse mai successo, perché non sarebbe dovuto succedere;

5) Un gentleman è sempre sul pezzo con fatti interessanti, commenti appropriati e conversazioni che traggano il meglio da tutti;

6) Un gentleman non fa mai domande invasive per mantenere alta la conversazione e l’attenzione focalizzata su altri. Li fa sentire come se fossero le persone più interessanti che abbia mai conosciuto, che sia vero o no.

Così come Brooks Brothers ha creato una collezione ad hoc per Gatsby, anche il regista di Kingsman ha pensato di mettere sul mercato tutto il merchandise visto nel film con una collezione di abiti ed accessori distribuiti da Mr. Porter.

Buona visione!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.