EdG introduces Bocache & Salvucci

Bocache & Salvucci

Mamma diceva sempre che dalle scarpe di una persona si capiscono tante cose; dove va, cosa fa, dove è stata.

Forrest Gump

Leggendo riviste e siti web di settore, ci si rende conto di quanto il vestire su misura sia ritornato prepotentemente nella quotidianità maschile ma, a differenza dell’abito (del quale si riescono a conoscere dettagli di manifattura impensabili fino a solo un paio d’anni fa), la scarpa è rimasta un po’ indietro nella sua propagazione culturale e tanti uomini si trovano in difficoltà al momento dell’acquisto dell’accessorio più importante del guardaroba maschile.

L’incontro con la calzoleria Bocache & Salvucci di Roma è avvenuto secondo quella selezione naturale darwiniana che permette di incontrare individui con somiglianze nel modo di pensare e di vivere. Dopo esserci resi conto di queste affinità elettive, abbiamo deciso di intraprendere un percorso che porterà sviluppi interessanti e mira a far emergere la cultura calzaturiera, da sempre riconosciuta come fiore all’occhiello dell’alto artigianato italiano.

Per ora vi raccontiamo la realtà Bocache & Salvucci, a breve vi sveleremo tutto il resto.

Umberto Cataldo

Eleganza del Gusto: Come e quando nasce Bocache & Salvucci?

Gian Luca Bocache: La nostra attività nasce dalla passione per l’artigianalità che da sempre accomuna me ed il mio socio Roberto Salvucci. Bocache & Salvucci Calzolai è nata venti anni fa, dopo un lungo periodo, durante il quale ci siamo dedicati alla sperimentazione della tecnica e ricercato i materiali migliori per realizzare scarpe di alta qualità, che oggi ci contraddistinguono nel mercato del lusso. Oggi lo staff di calzolai comprende sette persone, che lavorano a tempo pieno nel nostro laboratorio di Via F. Crispi a Roma.Gian Luca Bocache

EdG: Si parla spesso di ‘su misura’ riferendosi alla sartoria e quasi mai alla calzoleria. Quali sono le differenze tra le due attività?

GLB: La realizzazione della calzatura su misura è un processo complesso, che richiede attenzione e sensibilità per poter creare una scarpa che sia bella esteticamente, ben lavorata tecnicamente e confortevole per chi la indossa, e altrettanto fa la sartoria. La differenza sostanziale è che se un abito su misura fatto male comporta una delusione morale e qualche difficoltà di movimento (difetti di vestibilità, ndr.), una scarpa sbagliata provoca dolore. Tutti sappiamo quanto sia importante calzare delle scarpe comode per il benessere dei piedi, delle gambe e perfino della spina dorsale. Nel nostro settore si parte dalla scelta della pelle e si finisce nell’anatomia del piede.

EdG: Come avviene la realizzazione di una scarpa nel laboratorio Bocache & Salvucci?

GLB: Nel nostro laboratorio l’arte calzaturiera si manifesta in tutta la sua artigianalità durante la fase del montaggio e della cucitura delle suole, eseguiti entrambi rigorosamente a mano in ogni loro parte. I mastri calzolai in primo luogo plasmano la tomaia intorno alla forma sempre diversa, poiché identica ad un modello unico quale è il piede del committente. In seguito, con meticolosa precisione, si dedicheranno alla lunga fase della cucitura che può essere Blake, Goodyear, Norvegese.  Un punto fermo e regolare contribuirà in modo considerevole alla stabilità delle scarpe nel tempo. Il tipo di costruzione della scarpa è sempre il risultato di una chiacchierata con il cliente, il quale ci descrive il tipo di uso che ne deve fare.

EdG: Come avviene la scelta della pelle da parte del committente?

GLB: L’individuazione del pellame adatto, è un momento fondamentale, in quanto da tale operazione deriva la buona riuscita della calzatura, e soprattutto il comfort e l’agio del cliente. I materiali, scelti dal committente all’interno di una vasta gamma di pellami, dai più comuni a quelli più rari, all’interno di uno sterminato ventaglio di colori e nuance, vengono personalmente reperiti da me e Roberto, solo dopo una lunga ed attenta ricerca.

EdG: Se foste dei titolari di una sartoria, rientrereste in quelli che vengono definiti ‘sarti con la valigia’ per via dei numerosi viaggi di lavoro settimanali. Quali sono oggi i mercati di riferimento e cosa avete in programma per il futuro?

GLB: Per garantire un servizio perfetto, raggiungiamo i nostri clienti con visite periodiche in diverse città quali Parigi, Londra, Mosca, New York e Medio Oriente. I nostri progetti per il futuro sono estremamente ambiziosi: mantenendo sempre un lavoro artigianale e di nicchia, vorremmo aprire boutique in ogni parte del mondo.

EdG: Cosa rappresenta l’Eleganza del Gusto?

GLB: Con Roberto ce lo siamo chiesti diverso tempo fa, quando abbiamo scoperto il tuo progetto e siamo arrivati alla conclusione che l’eleganza del gusto è un pregio estetico e non solo. E’ grazia, semplicità e sobrietà. E’ quell’aspetto dell’uomo che si fa notare senza ostentare. L’eleganza non si impara, è una dote naturale.


My mama always said you can tell a lot about a person by their shoes, where they going, where they been.

Forrest Gump

Reading magazines and websites, we become aware how much the bespoke has forcefully returned in men’s everyday life but, unlike tailoring (today you can learn about manufacturing details that were unthinkable just a few years ago), the shoemaking’s cultural propagation has been a bit hidden and many men are in difficulty at the time of purchase the most important accessory of the male wardrobe.

The meeting with shoemaking Bocache & Salvucci of Rome, has happened according to that Darwinian natural selection that allows you to meet people with similarities in the way of thinking and living. After we realized of these affinities, we decided to undertake a journey that will bring interesting developments and aims to bring out the bespoke shoes culture, that has always been recognized as a flagship of the high Italian craftsmanship.

Currently we tell you about the Bocache & Salvucci’s reality, within easy we’ll reveal the rest. Enjoy it.

Umberto Cataldo

Eleganza del Gusto: Tell us about Bocache & Salvucci.

Gian Luca Bocache: Our business comes from the passion for craftsmanship that always unites me and my partner Roberto Salvucci. Bocache & Salvucci Shoemakers was born twenty years ago, after a long period during which we are dedicated to the technical experimentation and sought the best materials to produce high-quality shoes, which today distinguish us in the luxury market. Today the staff of shoemakers includes seven people who work full-time in our workshop in Rome.

EdG: People often talk about ‘bespoke’ referring to tailoring and rarely to shoemaking. What are the differences between the two activities?

GLB: The construction of bespoke shoes is a complex process that requires care and sensitivity in order to create a shoe that will be beautiful, technically well-crafted and comfortable for the customer, and so does the tailoring. The main difference is that if a bad bespoke suit leads a moral disappointment and some difficulty moving (defects of fit, ed.), The wrong shoe hurts. We all know how important is to wear comfortable shoes for the welfare of the feet, legs and even backbone. In our work we begin from the choice of the leather and end up in the anatomy of the foot.Roberto Salvucci

EdG: How is the realization of a pair of shoes in the Bocache & Salvucci’s workshop?

GLB: In our workshop the shoemaking art is manifested in all its craftsmanship during the assembly and the stitching of the soles, both performed exclusively by hand in their entirety. The master shoemakers primarily shape the uppers around the ever-changing form, as identical to a single model which is the customer’s foot. Later, with meticulous precision, they are dedicated to the long phase of the stitching that can be Blake, Goodyear, Norwegian. A well made stich contributes significantly to stability in time of the shoes. The type of shoe construction is always the result of a conversation with the customer, which describes the type of use intended.

EdG: How the customer chooses the leather?

GLB: The identification of appropriate leather, is a critical moment, because by this operation comes the success of the footwear, and especially the comfort and ease of the customer. The materials chosen by the client within a wide range of leathers, from the most common to the most rare, in an endless range of colors and shades, are personally sourced by me and Roberto, only after a long and careful search.

EdG: Which are the key markets and what are you planning for the future?

GLB: To guarantee a perfect service, we reach our customers with regular visits in different cities such as Paris, London, Moscow, New York and the Middle East. Our future plans are extremely ambitious: maintaining a craftsmanship work, we would like to open boutiques in every part of the world.

EdG: What’s for you Eleganza del Gusto?

GLB: With Roberto there we asked some time ago when we discovered your project and we concluded that Eleganza del Gusto is an aesthetic value and more. It is grace, simplicity and sobriety. It is that aspect of man that stands out without ostentation. The elegance is not learned, it is a natural gift.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.