Il Gourmettino di Domenico Cilenti apre a Firenze

il-gourmettino-domenico-cilenti

Cento metri a perpendicolo sul mare: dal meraviglioso mare della Puglia all’Arte di Firenze. Nasce l’osteria contemporanea Il Gourmettino.

Fuori tanta gente che passa, curiosa, mille botteghe, quasi una musica di sottofondo, siamo nel centro storico fiorentino, ma entrando lasci tutto, i rumori della strada si affievoliscono, noti subito un giardino d’inverno pieno di colori e profumi, un maestoso arancio nel centro di una corte, insolita e preziosa nel pieno centro della città, un angolo di Puglia, incastonato nel pieno centro, una sorta di insolita gemma, dove Domenico Cilenti, lo chef venuto dalla Puglia, dal suo locale Porta di Basso a Peschici, a cento metri a perpendicolo sul mare, ha fissato la sua base fiorentina, un locale pieno di luce e di allegria, dove ti accolgono tanti ragazzi, belli e sorridenti, davanti alla cucina a vista, una scatola di cristallo dove nascono mille sapori, i colori di un muro fatto di mattonelle pugliesi, qui Domenico Cilenti racconta la sua storia.

Il locale, magnifico nella sua rigorosa semplicità, unisce tutti gli elementi caratteristici della Puglia, il bancone all’ingresso ornato da una lastra di domenico-cilentimattonelle di mille colori, parla della sua gente gentile, ma anche dei sapori e profumi antichi della sua terra, con la cucina, il vino, l’accoglienza discreta.  
Il locale è strutturato nei locali di una antica bottega fiorentina, per cui offre un ambiente raffinato, caldo, in un impatto di materiali fatti da pietra a vista, il color tortora mixato al grigio tenue,  le volte a crociera, calde luci soffuse, tavoli di legno biondo con le gambe ottocentesche di ferro nero, una lunga panca in muratura piena di cuscini dai colori soft, una parete dove la sagoma del Duomo di Firenze è sottolineata da luci dando un tocco divertente alle rigorose volte a crociera, un sottofondo sound appena percepito e poi la gemma di verde che attira la vista, un arancio orgoglioso, piante, fiori, allegria. Ottimo e professionale il servizio, tutti pugliesi, giovanissimi e professionali, ed un’eccellente carta dei vini; il calore dell’accoglienza in una location di grande raffinatezza.

E poi il “primo attore” Domenico Cilenti, la sua cucina parla della sua terra “a perpendicolo sul mare”, dove l’intensità e la varietà della tradizione del sud incontra la creatività con straordinarie materie prime del territorio, di terra e di mare, lo stile dell’osteria mixato alla contemporaneità, con piatti che richiamano alla mente sapori familiari, ancestrali: la burrata, il pallone di Gravina e il canestrato pugliese, la paparina con le olive (pianta del papavero rosso, viene soffritta nell’olio extravergine di oliva, assieme al peperoncino piccante e alle olive celline e un pizzico di sale), i lampascioni, la scapace, la giuncata, la stracciatella, e poi l’olio salentino.

Una cucina basata nell’estro di questo giovane chef, già famoso, che merita grande attenzione, che scava nella memoria collettiva e ne tira fuori rivisitazioni ragionate, mai estreme, dove il richiamo alla tradizione casalinga si fa meno presente per lasciare spazio alla sua creatività esplosiva, il suo sapere modulare l’arte sul filo sottile tra passato e futuro, tra tradizione e innovazione, tra la voglia di andare a ritrovare antichi sapori e il modo di prepararli con la cura di non snaturarli nel riproporli. La sua è una rivisitazione da grande chef, gentile, ragionata, creativa ma mai troppo estrema.

Oggi, con Domenico Cilenti, nasce un locale a perpendicolo su Firenze.

Il Gourmettino | Via Palmieri 31 R, Firenze


One hundred meters perpendicularly on the sea: from the wonderful sea of Puglia to the artistic beauty of Florence. Is born the contemporary inn Il Gourmettino.Il Gourmettino - Domenico Cilenti

Outside so many people passing, curious, a thousand workshops, almost a background music, we are in the historical center of Florence, but leave everything entering, the street noises fade, they immediately notice a winter garden full of colors and perfumes, a majestic orange in the center of a courtyard, unusual and valuable in the heart of the city, a corner of Puglia, nestled in the heart, a kind of unusual gem, where Domenico Cilenti, the chef came from Puglia, from its local Porta di Basso Peschici, a hundred meters perpendicularly on the sea, has fixed his Florentine base, a room full of light and joy, where you are greeted by many young, beautiful and smiling, in front of the kitchen, a glass box where born a thousand flavors, colors of a wall made of tiles from Puglia, here Domenico Cilenti tells his story.

The restaurant is structured in the premises of an ancient Florentine workshop, so it offers a refined, warm, impact of stone material facts in view, the dove-gray mixed in soft gray, vaulted ceilings, warm soft lighting, tables blond wood with legs black iron nineteenth century, a long stone bench full of pillows in soft colors, a wall where the outline of the Duomo of Florence is underlined by lights giving a little entertainment to strict vaults, just a sound background perceived and then the green gem that attracts the view, a proud orange, plants, flowers, happiness. Excellent and professional service, all of Puglia, young and professional, and an excellent wine list; the warmth in a very refined location.

Il Gourmettino |  31r Palmieri St – Firenze, Italy

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.