Maserati Zeda: nuovo inizio partendo dalla fine

Il 12 Novembre 2019 si chiude una pagina importante per Maserati: la chiusura dello storico stabilimento modenese. Niente panico, perché nel 2020 il brand del Tridente tornerà a far battere il cuore agli appassionati con un nuovo modello. Quale modo migliore per celebrare il nuovo inizio, se non con una GranTurismo unica al mondo di nome Zeda?

Icona del ventunesimo secolo

Quello di viale Ciro Menotti a Modena è uno stabilimento nel quale da 12 anni è stato prodotto il modello più iconico di Maserati nel ventunesimo secolo. La GranTurismo, presentata nel 2007 al Salone di Ginevra, ha avuto la sua onorata carriera, con un motore Ferrari da 4.0 a 4.7, con potenze da 405 a 460 CV, e anche con l’indimenticabile variante GranCabrio. Nonostante però sia ancora oggi un’auto che fa rabbrividire le concorrenti GT e fa innamorare i fortunati che la sentono a motore acceso, è un modello che indubbiamente ha bisogno di essere ringiovanito, e un restyling di metà carriera non basta più. 

Da un teaser sulle pagine social di Maserati infatti, si scopre che a Maggio 2020 – presumibilmente a Modena e non a Ginevra come la GranTurismo – debutterà la nuova supersportiva del Tridente. Che si chiamerà Alfieri, come il concept di qualche anno fa, e come il fondatore della casa modenese?

Aggiornamenti importanti

La chiusura di questo stabilimento porta con sé diverse novità. A partire dalla produzione delle ultime GranTurismo, GranCabrio e Alfa Romeo 4C di sempre – la piccola del biscione nasceva infatti proprio qui. Ma anche degli importanti aggiornamenti proprio per la catena di montaggio in sé. Nuove tecnologie, preparazione per dei powertrain ibridi, e una nuova area dedicata alla verniciatura delle scocche: fino ad oggi, infatti, ogni esemplare veniva spedito a Maranello per essere ultimato e rifinito in Ferrari. Dal 2020, invece, con una nuova linea verniciatura a minore impatto ambientale, Maserati sarà capace di ultimare le vetture in autonomia.

Il canto del cigno

Il simbolo di questo nuovo inizio per Maserati ha un nome ben preciso: GranTurismo Zeda. In modenese “Zeda” è proprio l’ultima lettera dell’alfabeto, la “Zeta”, e il piccolo badge presente dietro le ruote anteriori dell’auto rende chiaro che sì, Z è la fine di un percorso, ma la A maiuscola rappresenta l’apertura del prossimo capitolo Maserati. 

La presentazione di questo modello unico, una showcar di proprietà della casa, è avvenuta proprio in catena di montaggio, un luogo significativo come la verniciatura della Zeda. Chiaro esempio della maestria del Centro Stile Maserati, l’auto disegnata da Pininfarina parte dal posteriore con una scocca quasi nuda, una colorazione chiara satinata che ricorda l’inizio della produzione e che si dissolve prima in grigio nella zona dell’abitacolo e poi in un elettrico Blu Maserati per il muso dell’automobile. Un’opera d’arte simbolica quindi, che rappresenta l’incontro tra l’uscente GranTurismo e il prossimo progetto dell’iconico Tridente di Modena.


Maserati GranTurismo Zeda: a new beginning starting from the end

November 12th, 2019 marks an important end for Maserati: the closing of the historic plant in Modena. But don’t panic, because in 2020 the Trident brand will be back to make the fans’ hearts beat with a new model. Which better way to celebrate the new beginning, than a new one-off GranTurismo named Zeda?

Maserati-GranTurismo-Zeda

Twenty-first century icon

The plant in viale Ciro Menotti in Modena is the one where for 12 years the most iconic Maserati model of the 21st century has been produced. The GranTurismo debuted in 2007 at the Geneva Motor Show, with Ferrari engines from 4.0 to 4.7, from 405 to 460 HP, and a GranCabrio version too. Even though this is still a car that gives chills to the GT rivals and makes people who hear its engine fall in love, it definitely needs a rejuvenation, and a mid-life restyling is not enough. 

A teaser on Maserati’s social feeds states that in May 2020 – most presumably in Modena and not in Geneva like the GranTurismo – will debut the new super sportscar from the Trident. Will it be called Alfieri, like the concept from some years ago, and like the founder of the Modenese car brand?

Important upgrades

The closing of this plant brings many news. Starting from the end of the production of GranTurismo, GranCabrio and Alfa Romeo 4C – the tiny biscione sportscar is made here. But also important upgrades for the production line itself. New technologies, preparation for new hybrid powertrains, and a new painting area: until today each unit was sent to Maranello to be finished in Ferrari. From 2020, though, with a new, more environment friendly painting line, Maserati will complete its cars in total autonomy.

Swan song

Maserati-GranTurismo-Zeda

The symbol of this new Maserati era has a precise name: GranTurismo Zeda. In Modenese slang “Zeda” is the last letter of the alphabet, the “Zed”, and the tiny badge behind the front wheels makes clear that, yes, the Z is the end of a route, but the capital A represents the beginning of the next chapter. 

The presentation of this one-off showcar owned by the car maker was held in the production line, a significant place for a significant paint. As a clear example of the mastery of Centro Stile Maserati, the car designed by Pininfarina starts from the back with an almost naked shell, a clear satin color which reminds of the beginning of the production, then it dissolves in grey for the cabin part and becomes an electric Blue Maserati in the front. A symbolic work of art, which represents the meet between the old GranTurismo and the next big project from the Modena Trident.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.