Parco Valentino 2019: un Salone immerso nel verde

Si è conclusa Domenica 23 Giugno la 5° edizione del Parco Valentino, il Motor Show di Torino ambientato nell’omonimo parco.

L’edizione 2019 ha avuto inizio Mercoledì 19, alla presenza degli Assessori Tronzano e Pisano, del Presidente ACI Sticchi Damiani, e ovviamente del Presidente di Parco Valentino Andrea Levy. Dopo la chiusura del Salone dell’Automobile di Torino nel 2002, una città come il capoluogo sabaudo, cuore pulsante dell’automobile italiana alla pari con la Motor Valley emiliana, non poteva restare priva di una kermesse importante. Ed ecco che per la quinta volta, tra vari saloni europei e mondiali, il Piemonte può vantare una nuova, diversa esperienza automotive: un vero e proprio salone diffuso che non si limita all’esposizione delle auto (54 i brand presenti nel 2019) all’interno del meraviglioso parco, ma porta parate, raduni ed eventi per le strade della città.

A Torino si fa la storia dell’automobile

Il cortile del Castello del Parco Valentino, eretto nel Parco nel XVI secolo, ha ospitato un’esposizione delle auto storiche più celebri ed esclusive. Pezzi da collezione come le Ferrari F40 e F50, le Lamborghini Miura e Countach di Marcello Gandini, le Porsche 911 dal 1963 ad oggi. Tra i modelli esposti, anche mostri sacri del motorsport: le Lancia Stratos e 037 dei rally e la Ferrari Formula 1 (1984) di Michele Alboreto che ha aperto la President Parade. 

Il salone diffuso ha portato per Via Roma, Piazza Castello e Piazza San Carlo oltre 400 auto in parata per l’apertura dell’evento. Durante il Parco Valentino 2019 migliaia di appassionati si sono riuniti per celebrare al volante gli anniversari di nascita dei loro marchi preferiti: tra gli altri, a Torino è stato festeggiato il 60° anniversario Mini e il 70° Abarth, e Citroen ha spento 100 candeline per le vie della città.

Per una chiusura del Motor Show in grande stile, Domenica 23 Giugno oltre 200 collezionisti hanno preso parte al Gran Premio Parco Valentino, guidando le loro auto attraverso Torino e Superga, per un arrivo tra i più suggestivi, alla Reggia di Venaria. 

Novità nel Parco

Ce n’è per tutti i gusti. I visitatori del nuovo Motor Show di Torino hanno assistito a decine di presentazioni e anteprime nazionali, con un’apertura prolungata del Parco del Valentino, aperto per l’occasione fino alle 24. Dopo averla vista al Salone di Ginevra, gli amanti del Biscione hanno potuto ammirare da vicino l’Alfa Romeo Tonale, futuro SUV milanese. Ma Alfa ha voluto fare le cose in grande, esponendo anche la Formula 1 Alfa Romeo Racing guidata da Raikkonen e Giovinazzi. Pagani ha esposto una nuova one-off della Huayra, e le italiane Pininfarina e Italdesign hanno portato a Torino le loro ultime creazioni, la Battista e la DaVinci. Per chi, invece, ha i piedi per terra, Peugeot ha presentato in anteprima la nuova 508 Plug-In Hybrid, in declinazione Station Wagon, così come l’ammiraglia Skoda Superb e il piccolo SUV Made in USA, Jeep Renegade. 

Grande importanza è stata data al design: per molti l’auto è un’opera d’arte, più che un mezzo di trasporto, e gli organizzatori dell’evento lo sanno. Ecco quindi tra le novità il Parco Valentino Classic, primo concorso di eleganza all’interno del Castello. E poi prestigiosi premi con giurie d’eccezione: quest’anno si è potuto assistere a Car Design Award, Collector’s Award e Parco Valentino Designer Award, consegnato ad Alfredo Stola e Giovanna Scaglione.

Un’esperienza verde

Non si può dar vita ad un motor show all’interno di un parco, senza avere un’occhio di riguardo verso la natura. Tra i mostri sacri e le supercar moderne, i visitatori del Parco Valentino hanno potuto toccare con mano auto che fino a qualche anno fa c’erano solo nella mente dei più fantasiosi ambientalisti. Enel X e Motor1 hanno portato al Salone un’intera lineup di auto elettriche e ibride plug-in: dalla Car Of The Year Jaguar I-Pace alla Audi e-tron, passando per la Volkswagen ID3 1st e le asiatiche Nissan, Toyota e Hyundai. Le auto green dell’evento, però, non erano semplici pezzi da esposizione: curiosi e appassionati hanno potuto vivere per la prima volta l’esperienza di guida silenziosa dell’elettrico nei diversi test-drive organizzati durante le 5 giornate. Il futuro, però, oltre che verde è anche innovativo: a dimostrazione di questo, tra le decine di concept presenti il nastro dell’inaugurazione è stato tagliato, durante la parata, da un’auto a guida totalmente autonoma, sviluppata da Bylogix in collaborazione con il Comune di Torino.


A Motor Show in the nature: Parco Valentino 2019 

The 5th edition of Parco Valentino, Turin Motor Show located in the homonymous park, ended on June, 23rd. The 2019 edition started on June, 19th, hosted by Assessors Tronzano and Pisano, the ACI President Sticchi Damiani and, of course, Parco Valentino President Andrea Levy. After the old Motor Show closing in 2002, a city like Turin, beating heart of the Italian automotive market together with the Motor Valley in Emilia, couldn’t miss an important kermesse. So for the fifth time, among various European and World shows, the Piedmont region finds itself with a new, special automotive experience: a true diffused motor show, not limited to the exhibition of the cars (54 manufacturers in the 2019 edition) inside the wonderful park, but with a whole lot of parades, car meets and events all around the streets of the city. 

Torino: where automotive history is made

The court of the Castle of Valentino, built in the XVI century in the Park, hosted the exhibition of the most famous and exclusive cars of all times. Collectors’ pieces such as the Ferrari F40 and F50, the Lamborghini Miura and Countach designed by Marcello Gandini, the Porsche 911 from 1963 to the present day. Among the models, there are even holy motorsport cars: the rally Lancia Stratos and 037 and Michele Alboreto’s Formula 1 Ferrari (1984) which started the President Parade. 

This diffused motor show brought more than 400 cars around Via Roma, Piazza Castello and Piazza San Carlo for the opening of the event. During the 2019 Parco Valentino thousands of enthusiasts met each other in Turin to celebrate the anniversaries of their favorite brands, behind the wheel: Mini’s 60th anniversary and Abarth’s 70th one, and the Centennary of Citroen.

For closing the event in style, more than 200 collectors took part to the Gran Prix Parco Valentino on June, 23rd, driving through Turin and Superga, and arriving in the suggestive Reggia di Venaria. 

News in the Park

One for each taste. The visitors of the new Turin Motor Show took part to dozens of national debuts and premieres, with an extended opening of the Park, until midnight every night. After admiring it in Geneva, the lovers of the Biscione had the chance to take a closer look at the Alfa Romeo Tonale, future SUV Made in Milan. Alfa decided to go big, exhibiting the Alfa Romeo Racing F1 car driven by Raikkonen and Giovinazzi. Pagani brought a new one-off of the Huayra, the Italian Pininfarina and Italdesign presented their latest creations, the Battista and the DaVinci. For those who live with their feet on the ground, Peugeot premiered the new 508 Plug-In Hybrid, in SW version, as long as the saloon Skoda Superb and the little SUV Made in USA, Jeep Renegade. 

Big importance to design, too: for many people the car is a work of art, more than a commute, and the organizers of the event know it. So among the news there’s Parco Valentino Classic, the first concours d’elegance inside the Castle. And then prestigious awards: Car Design Award and Collector’s Award were held this year, as long as the Parco Valentino Designer Award, given to Alfredo Stola and Giovanna Scaglione.

A green experience

You can’t make a motor show inside a park, without paying attetion to nature. Apart from holy beasts and modern supercars, visitors of Parco Valentino touched with their hands cars that some years ago only the strongest environmentalists could imagine. Enel X and Motor1 brought a whole lineup of electric and plug-in hybrid cars: from the Car Of The Year Jaguar I-Pace to the Audi e-tron, together with the Volkswagen ID3 1st and the Asian Nissan, Toyota and Hyundai. The green cars of this event, though, were not just exhibition pieces: wanderers and enthusiasts had the chance to live for the first time the quiet, electric driving experience, with different test-drives during the 5 days. But the future is innovation, too: on the opening day the ribbon was cut by an autonomous driving car, developed by Bylogix in collaboration with the City of Turin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.